Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].
Seguici anche su facebook, twitter, youtube

CALENDARIO

NEWS 2021

ARCHIVIO

 

ACCESSO ASSOCIATI

Nome utente
Password

NEWS

1 Dicembre 2020
BOSCHETTI IN AUDIZIONE AL SENATO

 


FARE DELLA TRAGEDIA PANDEMICA UN' OPPORTUNITA' PER ATTREZZARE TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE PER IL TURISMO PIU' SOSTENIBILE E SICURO


LE PROPOSTE DI PROMOCAMP ITALIA NELL' AUDIZIONE DEL 1° DICEMBRE ALLA X COMMISSIONE INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO DEL SENATO DELLA REPUBBLICA


Il Presidente Luigi Boschetti è stato uno dei protagonisti dell'audizione del 1° dicembre della X Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato, che aveva come oggetto: i sistemi di sostegno e di promozione dei servizi turistici e le filiere produttive associate alla valorizzazione del territorio.


Invitate le organizzazioni del settore turistico complessivamente inteso e i rappresentanti dei territori (es. ANCI) per presentare ai legislatori le loro analisi sulla situazione attuale e le proposte per delineare un percorso per sostenere, promuovere e rilanciare i servizi turistici e le filiere produttive collegate alla valorizzazione del territorio.


PROMOCAMP ITALIA ha portato la voce del turismo all'aria aperta evidenziando che il settore della ricettività ha subito un'inevitabile flessione in Italia nel 2020, anche se va detto che si tratta di un dato migliore di quello registrato in media sulla ricettività nazionale: - 54% per le strutture all'aria aperta, contro il -62% del dato generale, registrando una flessione molto più contenuta, segno evidente che il turismo all'aria aperta è una tendenza in espansione nel nostro Paese.                       Il comparto del turismo all'aria aperta ha subito un fortissimo impatto, in particolare, in quelle zone d'Italia dove la percentuale di clientela straniera raggiungeva abitualmente numeri importanti, spesso pari ad oltre l'80 percento.


L'andamento della filiera produttiva relativa ai mezzi (camper, tende, ecc...) e accessori ha seguito naturalmente l'andamento del mercato turistico, condizionato fortemente dalla crisi pre-Covid, con incrementi leggeri delle vendite di nuovi mezzi del 7,6% rispetto al 2019 e privilegiando il mercato dell'usato, del noleggio e dell'accessorio finalizzato ad attrezzare ancor meglio il parco esistente.


Valutando la prospettiva comunque come positiva, nell'immediato e nel futuro, nella speranza che la scienza riesca a contenere e poi risolvere la pandemia nazionale e internazionale con i vaccini e con terapie efficaci, resterà comunque prevedibilmente un lungo periodo di grande attenzione sanitaria, sia per i grandi cambiamenti nelle abitudini di vita indotti dal virus, sia per quanto riguarda la ricerca di condizioni più sicure di svago e di fruizione del tempo libero e di viaggio. E in questo, il turismo all'aria aperta, come si è già visto quest'anno, rappresenta e rappresenterà un filone di sicura espansione, soprattutto per l'intero territorio per le esigenze di distanziamento e di aumentata ricerca di luoghi naturali e meno affollati e meno contaminati.                                                                                                                             Per queste ragioni e utilizzando le immense risorse a disposizione a livello europeo (Next Generation Neu o Recovery Plan) occorrerebbe finalmente affrontare le scelte necessarie per lo sviluppo di questo turismo, da considerare come strategico nell'ambito del turismo nazionale e per una più completa valorizzazione dell'intero territorio, unico per storia, cultura, natura, prodotti della terra, ecc...


Quindi oltre a sostenere nell'immediato e fino a che sarà necessario tutto il comparto turistico con i sostegni economici previsti dai vari D.P.C.M. per ristori, cassa integrazione, tregua fiscale, bonus, ecc..., occorre predisporre e realizzare per i prossimi anni un


PROGETTO STRATEGICO NAZIONALE DI SVILUPPO DEL TURISMO ALL'ARIA APERTA,


nel quadro del rilancio di tutto il settore turistico e di contributo importante e sostenibile per la valorizzazione dell'intero territorio, con una particolare attenzione alla cosiddetta Italia "minore", oggi ancor più da scoprire e da praticare a vantaggio di un turismo diffuso e in sicurezza.        PROMOCAMP ITALIA, a tal proposito, ha offerto il suo contributo di proposte, già sperimentate sul piano normativo (a livello regionale), progettuale e realizzativo.                                                        Il Presidente Boschetti ha sottolineato con forza l'occasione abbastanza unica che abbiamo di fronte e cioè di fare della tragedia pandemica una grande opportunità per affrontare nell'immediato la sopravvivenza e la ripartenza dell'economia turistica e nel breve-medio periodo realizzare un PROGETTO che affronti e risolva i nostri ritardi storici normativi e infrastrutturali, facendo dell'Italia - utilizzando le grandi risorse europee del Next Generation Neu - il Paese più turistico d'Europa.


PROGETTO che deve partire in sostanza dalle scelte essenziali che sono in sintesi:


a)      Turismo all'aria aperta come scelta strategica per la valorizzazione dell'intero territorio nazionale.


b)      Una normativa ad hoc (nazionale e regionale) che dia uniformità ed omogeneità alla disciplina di questo turismo sull'intero territorio nazionale.


c)      Priorità alla territorialità e ai progetti di sviluppo di aree vaste per valorizzare e salvaguardare gran parte dei nostri territori e incrementare anche quantità, qualità e varietà dell'offerta ricettiva.


d)      La realizzazione di tutte le varie tipologie delle strutture ricettive e dei servizi del turismo all'aria aperta, indispensabili per realizzare progetti e reti di ospitalità qualificata in base ai flussi e alle situazioni dei vari luoghi e alle esigenze di un turismo vario della mobilità (almeno una struttura o servizio per ogni Comune o località).


e)      Una pluralità di forme gestionali, oltre a quelle professionali, (es. fattorie, centri produttivi, centri sportivi, locande, ristoranti, privati, garden sharing, ecc...) che creino vasti territori ospitanti del turismo itinerante nel rispetto delle norme di sicurezza, di igiene pubblica e fiscali.


f)       La semplificazione delle normative e delle procedure in funzione del profilo delle strutture e della rilevanza dell'impatto ambientale.


 

Promocamp Italia - sede operativa: Via Gagliardi n. 9 - Grumello Cremonese (CR) - P.IVA 03443160134 | Privacy Policy