Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].
Seguici anche su facebook, twitter, youtube

CALENDARIO

ARTICOLI 2017

ARCHIVIO

 

ACCESSO ASSOCIATI

Nome utente
Password

COMUNICATI STAMPA

22 Gennaio 2008
IL MINISTRO ANTONIO DI PIETRO A “TUOR.it” di Carrara

COMUNICATO STAMPA

IL MINISTRO ANTONIO DI PIETRO A “TUOR.it” di Carrara
Promocamp ha presentato le sue proposte per il turismo itinerante e per i camper service

Alla Fiera “TOUR.it – Salone del turismo itinerante” in corso a Carrara fino a domenica 27 gennaio, vi è stata una grande occasione d’incontro con il Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, che inaugurando l’iniziativa (è la prima volta che succede nel nostro Paese) ha acconsentito di incontrare le organizzazioni nazionali del turismo all’aria aperta, alla presenza di camper club e di numerosi camperisti, per affrontare i problemi del turismo itinerante e dei camperisti.
Sollecitato dagli imput fornitigli in un precedente incontro con Ivan Perriera, organizzatore della visita dell’esponente di Governo, nonché sollecitato dagli interventi dei vari rappresentanti, il Ministro ha dimostrato subito di conoscere gli argomenti posti.
In particolare, nella veste più di leader politico del nostro Paese, raccogliendo anche le sollecitazioni di Promocamp, che nel suo indirizzo di saluto aveva sottolineato “ le ragioni per le quali il Governo nazionale e tutti i livelli istituzionali avrebbero dovuto interessarsi maggiormente delle sorti del turismo della mobilità, costruendo e realizzando ai vari livelli un Progetto di accoglienza a livello nazionale…” , nel suo intervento ha sottolineato la forza strategica per lo sviluppo del turismo italiano del turismo itinerante, affermando in particolare “ non è una spesa ma un grande investimento per il nostro Paese”.
E per essere conseguente, ha promesso, senza nascondere le scarse possibilità di riuscita della cosa “stiamo affrontando purtroppo solo le emergenze”, il suo impegno per far andare avanti il disegno di legge quadro sul turismo, presente in Parlamento e sottoscritto da esponenti di tutti i gruppi, necessario per dare un indirizzo comune alle Regioni italiane, oggi uniche depositarie delle competenze legislative e dispositive sul turismo.
Poi da Ministro delle Infrastrutture è intervenuto sulla questione camper service nelle aree di distribuzione carburanti delle autostrade e strade italiane e cioè sull’attuazione del D.P.R. 610/1996.
Su questa materia, Promocamp, come noto, si sta impegnando da alcuni anni, assieme a Legambiente Turismo e TURIT, ed è riuscita a concordare con la Società Autostrade per l’Italia un impegno, che ha prodotto primi importanti risultati (45 camper service realizzati + 55 in corso di realizzazione + l’obbligo per tutte le nuove concessioni ). L’Associazione è poi intervenuta su tutte le Regioni, Provincie e 500 Comuni per i camper service sulle strade di loro competenza che hanno circa 3.000 aree di servizio obbligate per legge ad averli.
Nel settembre 2006 l’Associazione aveva poi promosso, assieme a tutte le organizzazioni dell’utenza, una Petizione allo stesso Ministro.
Su questa parte il Ministro ha dimostrato il suo pragmatismo e la sua efficienza presentando a Carrara importanti provvedimenti già presi e precisi impegni per quanto di sua stretta competenza.
La presenza dell’ANAS all’incontro – che è l’ente a cui lo Stato demanda la cura delle autostrade e strade italiane( date poi in concessione a Società di gestione, a Provincie e Comuni, oltre a seguirle direttamente) – ha confermato questo suo impegno, che si è rivolto da subito all’AISCAT, l’insieme delle Società di gestione delle Autostrade (e quindi non solo Autostrade per l’Italia), che hanno assicurato, entro la scadenza (2011) delle concessioni alle Società petrolifere, l’obbligo di realizzare i camper service in tutte “le 420 aree di servizio, oggi servite nel numero di 84; in due anni queste raddoppieranno…Nel caso non vengano realizzati scatteranno sanzioni fino alla revoca della concessione”.
Sul resto, ove vi è competenza diretta ANAS ogni concessione nuova prevederà gli impianti igienico-sanitari, e per quanto riguarda Regioni, Comuni e Provincie, dove la competenza dell’ente di Stato è riferito solo all’accesso di tali aree di servizio alla viabilità ordinaria, il Ministro ha dato prova di grande competenza tecnica e di concreta volontà di intervenire lo stesso, prevedendo che l’ANAS, nel concedere l’autorizzazione all’accesso richieda l’osservanza di tutta la normativa (D.P.R. 610 compreso) nell’area di servizio.
Un grande risultato immediato ed un impegno a creare un collegamento permanente con le organizzazioni disponibili per seguire gli sviluppi della situazione, raccogliendo proposte utili per dare al turismo itinerante, complessivamente inteso, occasioni nuove di crescita complessiva.
Promocamp è particolarmente soddisfatta e ringrazia il Ministro per la sua disponibilità e chi, come Ivan Perriera dell’Unione Club Amici, ha creato le condizioni perché ciò avvenisse.
L’Associazione che sta lavorando da tempo sul PROGETTO GENERALE DI ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE, così come sui camper service nelle aree carburanti (servizi importanti per costruire gradualmente il Progetto), ha messo a disposizione le proprie proposte e la progettazione di massima, per contribuire, possibilmente assieme a tutte le altre organizzazioni nazionali ed assieme all’indispensabile contributo delle organizzazioni territoriali dei turisti itineranti, all’auspicato sviluppo del turismo itinerante.
Certo le vicende politiche di questo momento non fanno sperare in una lunga vita del Governo e dei suoi Ministri, resta comunque il fatto che un leader politico importante come Di Pietro si sia reso disponibile a dare una mano per il futuro del nostro turismo e che abbia impegnato l’ANAS e la struttura del Ministero (che resta) a produrre provvedimenti amministrativi ed interventi per il presente ed il futuro sui camper service, rappresenta un risultato strategico innegabile.
Partendo da questo, Promocamp ha presentato (attraverso il suo referente) a Di Pietro in qualità anche di leader politico, una richiesta di sensibilizzazione della Conferenza degli assessori regionali al turismo, nel tentativo di promuovere presso tutte le Regioni la presa in considerazione di un Progetto generale di sviluppo del turismo itinerante, obiettivo più realistico di una Legge Quadro sul Turismo.
Al Ministro, al Ministero ed all’ANAS, Promocamp chiede inoltre di rivolgersi, nel rispetto delle varie competenze, alle Regioni, Provincie e Comuni per informarli su come si procederà per l’autorizzazione per gli accessi delle aree di servizio e per raccomandare loro di prevedere nelle loro Norme e Regolamenti per la concessione dell’autorizzazione all’esercizio commerciale delle stesse, quanto dispone il D.P.R. 610/1996 e le sanzioni per gli inadempienti.
Sulle aree esistenti, raccomandarne possibilmente la messa a norma per ragioni ambientali e di sicurezza.
Per i nuovi impianti di distribuzione dei carburanti presso gli ipermercati, che diventeranno sempre più numerosi (almeno si auspica), e dove è difficile applicare il D.P.R. perché l’area non è chiaramente definita nelle sue dimensioni (come calcolare i 10.000 mq ?), prevedere il camper service in quanto aree assimilabili a quelle di grandi dimensioni.
E si spera che il lavoro e la collaborazione possa continuare per il bene di tutti i turisti itineranti.


PROMOCAMP
Segreteria Operativa: V.le Randi, 106 – 48100 Ravenna
Tel. 0544/408700 – Fax. 0544/276133 – Email: info@promocamp.com
Sito: www. Promocamp.com


Promocamp Italia - sede operativa: Via Gagliardi n. 9 - Grumello Cremonese (CR) - P.IVA 03443160134 | Privacy Policy